PLAY

LA PRIMAVERA È ARRIVATA

SCOPRI TUTTI I PACCHETTI CHE ABBIAMO IDEATO PER TE

VISITA LA PAGINA DEDICATA E SCEGLI LA TUA PROSSIMA ESPERIENZA, CLICCA QUI

In Villa Crespi puoi scegliere
tra il comfort delle nostre Suite e
l’esperienza tristellata nel Ristorante
dello Chef Cannavacciuolo.
Inizia il tuo viaggio.

, ,

Ameno, il paese degli artisti e della Natura

Ameno è un paese sul Lago d’Orta caratterizzato da numerosi palazzi e ville gentilizie, oltre che da incredibili bellezze naturali

Conosciuto anche con l’appellativo di “paese degli artisti”, Ameno è una località di origini molto antiche, situata sulla sponda orientale del Lago d’Orta in una posizione collinare.

Questo luogo rappresenta una meta turistica sin dal XVIII secolo: ogni anno giungono qui ben 500 mila turisti. In questa località sono sorte numerose ville gentilizie a cavallo fra il XVIII e il XIX secolo, oggi visitabili in occasione della manifestazione annuale “Cortili e Giardini aperti”, con cui si incentiva la fruizione di antiche tenute storiche.

Ma quali sono le attrazioni culturali, artistiche e naturali che vale la pena visitare durante un weekend ad Ameno?

Ameno, una gita culturale fra chiese e ville

A livello religioso, la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta di Ameno rappresenta un esempio di architettura di origine medievale, per via della sua struttura a tre navate, affiancata da un campanile tardoromanico costruito con massi di granito. La parrocchiale sembrerebbe risalire alla seconda metà del XIV secolo. Il Convento di Monte Mesma è un’altra attrazione culturale da non perdere durante una visita ad Ameno.

La sua posizione panoramica, in particolare, consente di godere di una spettacolare vista su tutta la pianura padana, comprese le città di Milano e Novara. Il convento francescano che si trova a 576 metri di altezza è stato costruito nel 1619 a partire dai resti di un castello che è stato teatro dei conflitti fra il comune di Novara e l’episcopato locale. Il convento presenta due chiostri barocchi, che, se attraversati, conducono alla chiesa a capanna, al cui interno si trovano interessanti dipinti. Il convento è raggiungibile percorrendo anche due mulattiere che partono appena fuori dagli abitati di Bolzano e di Lortallo.

Palazzo dei Conti Tornelli, Palazzo del marchese Solaroli, villa del Conte Agazzini, Casa Cotta, Villa Obicini, Palazzo Vegezzi, Casa Pestalozza e Villa Reiser sono alcune delle ville e dei palazzi storici che caratterizzano il paese di Ameno. Questo corredo rinascimentale è suggellato da Casa Calderara, dimora del pittore Antonio Calderara. Si tratta di un esempio di architettura borghese, caratterizzata da un triplice loggiato su colonne di granito e la cui costruzione risale alla fine del XVI secolo. Attualmente questo edificio è una fondazione che ospita e tutela 327 opere, tutte raccolte dal Calderara, di cui 271 appartengono a 133 artisti europei, americani, giapponesi e cinesi.

Villa Monte Oro è invece un esempio illustre di stile liberty, e si trova all’ingresso di Ameno. Disegnata da Carlo Nigra nel 1926, questa struttura presenta più corpi di fabbrica a due o tre piani. Singolare e scenografico il vasto parco che occupa tutta la collina sulla cui sommità sorge la villa: al suo interno è possibile infatti osservare una varietà incredibile di rare conifere, azalee, rododendri e faggi secolari.

Alla scoperta della natura protetta di Ameno

Per quanto riguarda la natura invece, ad Ameno, il Monte Mesma rappresenta una delle principali attrazioni. Oltre infatti ad avere la possibilità di percorrere a piedi le due mulattiere sopra indicate per raggiungere il convento francescano, bisogna sapere che questa zona è una riserva naturale. Le pendici del monte sono ricche di vegetazione, in particolare di boschi di castagno e quercia, mentre l’intera area presenta un sito archeologico di notevole interesse, con reperti di origine celtica e materiale dell’epoca gallica e romano-imperiale.

Di fronte a Palazzo Tornielli, sempre ad Ameno, si trova il parco neogotico. In origine tale area verde era collegata alla costruzione tramite un passaggio sotterraneo, mentre nel 1920 venne resa pubblica. Un restauro dal 2007 al 2011 ha riportato alla luce le antiche bellezze di questo luogo: alberi secolari, aiuole con specie autoctone, un padiglione classicheggiante con decorazione floreale, una vecchia ghiacciaia e una torre sono solo alcuni degli elementi che definiscono la bellezza e la particolarità del parco neogotico di Ameno.